Quando il tempo ti è amico

27 07 2013

Un tempo erano importanti i giovani ma io ero un bambino.

Poi sono stati importanti i quarantenni ma io ero meno che trentenne.

Adesso sono importanti i bambini e i nonni ma io sono solo un adulto.

Amen.

Annunci

Azioni

Information

3 responses

28 07 2013
Daniele

Eh, proprio così.

Mi piace

28 07 2013
Ironica

In realtà oggi sono i giovani, come quando ero bambina, ad essere importanti. La disoccupazione che preoccupa è quella giovanile; a me starebbe bene anche essere messa in pensione, in un ricovero, anche una discarica va bene, basta che mi si trovi una collocazione.

Mi piace

28 07 2013
williamnessuno

Cara Ironica, l’importanza dei “giovani” è diversa adesso dal periodo al quale mi riferisco: negli anni sessanta e setttanta i giovani erano importanti perché facevano da traino a dei cambiamenti sociali: adesso sono importanti passivamente perché tutti parlano di loro e dei loro problemi lavorativi, magari senza risolverli.
Per la seconda parte del tuo commento sono perfettamente d’accordo, anche io mi farei da parte volentieri se così deve essere: ma per quanto mi riguarda pur avendo lavorato ho la sensazione che una pensione di sopravvivenza non ce l’avrò mai…

Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: