alien you

29 03 2015

Qualche giorno fa sono passato nel luogo in cui ho lavorato per dodici anni.
Ogni tanto una amica mi invita e io vado.
Appena arrivato, ho appreso che che una mia cara collega aveva partorito quella mattina stessa.
Dopo poco, volendo passare  a trovare un’altra persona, mi hanno detto che non c’era perché aveva perso da poco la madre.
Questi due fatti messi insieme mi hanno lasciato molto inquieto, ma senza sapere bene perché.
Sono alcuni giorni che ci penso, e mi dico che non può essere solo per quella scontata faccenda della “ruota della vita”.
No,  ora penso che sia una sensazione più legata alla consapevolezza che noi a un certo punto perdiamo il controllo dei “nostri” mondi. Perdiamo il contatto con essi. Che vanno avanti comunque senza di noi, inesorabilmente.
E tanti mondi che sono stati tuoi vanno avanti senza di te: il mondo-Milano, il mondo-Tromello… E così via.
Per esempio, il mondo “Alessandria” va avanti senza di me da tanti anni, ogni tanto rientro e trovo i cambiamenti, ma sono ormai lontani, remoti: il fatto che non mi possano più riguardare, a livello psicologico è chiaro.
Fa più effetto vedere che le cose vanno avanti, nel bene e nel male, senza di te anche vicino.
E tu ne prendi atto come se la distanza fosse ormai siderale.
Perché ormai sei un alieno.

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: