sogni belli

10 08 2017

L’altra notte ho sognato che scendevo sciando bene (come quando ero giovane, non come l’ultima volta qualche mese fa, che non mi reggevo in piedi…) su della belllissima neve ben battuta lungo il cavalcavia di Alessandria.
Mi sono svegliato sorridendo.





béllora, béllora

12 05 2017

Io non so bene cosa stia succedendo nel mio cervello, se sia l’età, se queste cose succedano ad altri oltre me: non so se siano patologiche o normali fatti nel funzionamento della macchina più complicata del nostro corpo.

Stavolta non parlo di stati emotivi tempestosi e cupi, ma di sorprendenti e  inspiegabili acrobazie della mia memoria.

Chi mi sta intorno sa che purtroppo ho una pesssima memoria per i fatti anche molto recenti.

Tuttavia il signor cervello -o la signora psiche- mi stanno facendo sempre più frequentemente strani scherzetti.

Qualche tempo fa, direi qualche settimana, all’improvviso ho pensato “Béllora”.

Ora, chi era Béllora? Non ho fatto fatica a ricordare chi fosse.

Béllora era un collega di mio padre quando ero bambino, ma piccolo, al quale non ho mai pensato in vita mia: probabilmente all’epoca l’ho anche conosciuto, mio padre a volte mi portava  nel suo uffico e mi presentava ai suoi colleghi.

Ma di Béllora non ho alcuna memoria visiva. Neanche il nome di battesimo, naturalmente. All’epoca i colleghi si chiamavano solo per cognome. 

Parliamo di cinquant’aanni fa. Dopo cinquant’anni mi ritorna questo cognome, senza alcuna ragione apparente. All’improvviso. 

Un nome, un suono: una parola e nulla più.

Questa notte un altro episodio analogo.

Mi viene in mente un cognome. Tricarico. Ancora una volta un nome e una persona alla quale non ho mai pensato negli ultimi trent’anni.

Stavolta mi viene in mente anche l’aspetto. Probabilmente perché quando questa persona (che avrò incontrato una decina di volte in tutto) ha attraversato la mia esistenza ero già adulto.

Era una vicina di casa quando abitavo a Milano sui Navigli. Una signora di mezz’età, bionda tintissima, capelli lunghi, gentile e sorridente, con orecchini vistosi, per diversi aspetti ambigua.

Questi nomi mi vengono di solito in mente durante il sonno.

In questo ultimo caso di questa notte, stamattina da sveglio ho dovuto faticare per ri-ricordarmi il nome.

Cerco di non preoccuparmi troppo, ma del tuttto tranquillo non sto.





incubi prossimi venturi

11 03 2017

C’è un problema: da oggi in poi non potrò più riempire il trolley di beta gentilmente convogliati via la mia collega Paola dal centro produzione Salario e portarli al montaggio senza pensare al bellimbusto che sbraita sullo sfondo verde clorofilla.





se non è…

13 12 2016

Non la voglio fare lunga, ma  mi capita spesso di pensare che mi resti poco da vivere.
Non so perché, è una sensazione, sicuramente infondata come quella analoga che abbi a vent’anni. E sono ancora qui.
Ci sono diverse cause per questi pensieri.
Una è sicuramente la fragilità emotiva, che cerco di tenere nascosta il più possibile, non sempre riuscendoci.
Per esempio non sono riuscito a nascondere al collega montatore che lavorava con me il mio turbamento quando ci è capitato di dover lavorare per la rubrica “XX Secolo” un filmato di Rascel che impersonava Napoleone. Uno sketch che rifaceva sempre mio padre.
Un’altra causa di questa stupida strisciante idea è che sempre più spesso riemergono dalla mia mente ricordi remotissimi.
Per esempio ieri all’improvviso mi si è aperta una voragine di ricordi a scatola cinese.
Io piccolissimo coi colleghi di mio padre che mi insegnavano modi di dire.
Uno di questi era “se non è zuppa, è pan bagnato”.
Sicuramente questi colleghi cercavano di insegnarmi la versione piemontese, lingua che da piccolo non conoscevo per nulla perché i miei mi parlavano sempre in italiano.
“S’a l’è nen supa l’è pan bagnà”
Allora dalla frase piemontese (che sicuramente i colleghi mi italianizzavano), mi era tutto chiaro: tranne cosa fosse “il pampagnà”.
E mi ricordo che mi ci sono voluti anni per ricongiungere” il pampagnà” al pan bagnà.
E niente.
Ieri mattina non so come né perché, mi è venuta in mente la parola.
Pampagnà.
Ma così, senza ragione.
Una cosa che arriva da oltre cinquant’anni fa.





annunci

20 04 2016

“… E alle ore venticinque e quaranta seguirà il TG nella lingua dei sogni…”





dopo tanti anni

27 01 2016

Per la prima volta dopo tantissimi anni ieri notte ho sognato la casa dove abitavo a Tromello.

In realtà non ho sognato l’interno.

L’ho vista da lontano perché, non so per quale motivo, volevo parcheggiarci  davanti per poi andare a fare altro altrove. Ho pensato “lì c’è sempre posto”.

La cosa veramente strana è che vedevo la casa non solo da lontano, ma da un punto impossibile: da una strada che non esiste, o almeno non esisteva al tempo: una strada che era un prolungamento di via Ajardi: in quel terreno c’è in realtà c’era una grossa villa. Invece nel sogno c’era sia la strada sia che una schiera di altre villette bianche.

Poi  sulla strada inesistente vedevo la signora Pina, la mia vicina dai capelli corti grigi che alll’epoca mi dava consigli di giardinaggio. Nel sogno mi diceva qualcosa distrattamente, ma non si capiva niente. Parlava e basta.

Non mi colpisce tanto il riafacciarsi di quei ricordi sepolti da più di dieci anni: mi arrovello sul possibile significato di questo sogno.

Questa strada inesistente interamente creata dalla mia mente.

Quest’idea di parcheggiare proprio là davanti. Per andare a far cosa, poi.

Nel sogno ero comunque assolutamente consapevole che quella casa intravista in distanza, davanti alla quale poi non sono mai arrivato, non mi appartiene più da tempo.





turris asian, primo paragrafo, terzo frammento.

8 05 2015

TURRIS ASIAN

CHAPTER ONE

(LONG VERSION)

PAR.1, part 5–6

Il mio percorso nel centro della Città Eterna mi condusse a sfiorare -e sicuramente ad assorbire- una quantità spropositata di simboli e scritte.
Api, gigli di Francia, chiavi pontificali, cervi con una croce tra le corna, draghi, putti, sfingi, maschere, mascheroni, fregi, capitelli… Tutto finito probabilmente in qualche sogno, per la gioia dell’intero centro di ricerca, da Francesca agli indian brothers giù giù fino al segretario professorale.
Tra detour vari, tra una digressione e l’altra, giunsi -quasi ubriaco di immagini, come sempre quando tornavo a Roma dopo tanto tempo- nella zona della mia mia destinazione.
Via Margutta è una strana strada proprio nel cuore di Roma, Piazza del Popolo è a pochi passi: un posto stranamente tranquillissimo, quasi silenzioso, ma allo stesso tempo, dal punto di vista teorico, incasinatissmo.
Dubbio l’etimo stesso, tra deliri sulla “goccia di mare” causa torrentello proveniente da monte, nomi di barbieri tristanzuoli, bruttacchioni e obesi o di famiglie ivi residenti once upon a time. Dubbio l’ordine cronologico col quale narrare le cose. Dubbia la conformazione: dopo un tratto brevissimo via Margutta fa una svolta di novanta gradi e prosegue a lungo in parallelo alla via che avrebbe dovuto servire come retrobottega, via del Babuino: quindi una via di servizio, ad ospitare il fabbro il maniscalco, i cavalli con le relative carrozze, ogni genere di artigiano che potesse essere utile a quelli che abitavano i palazzi sulla via elegante.
Gente, quella dei palazzi, che un tempo si sarebbe detta “la classe dominante”. E forse sarebbe ora si dicesse di nuovo. Tanto per prendere atto, almeno.
Tutto un rumoreggiare di martelli, seghe, zoccoli animali, zoccoli di persone, lime, nitriti, voci, richiami, versi di animali di ogni altro genere. Questo doveva essere.
Poi nell’ottocento arriva il pretone di turno -a Roma c’è sempre e c’è sempre stato un pretone di turno- al quale poi verranno intitolati istituti scolastici: il quale si compra tutto, fa bonificare, fa ristrutturare, fa costruire collegi religiosi.
Ed ecco nel tempo la via paradisiaca, fuori dal mondo al centro di Roma. La via che, forse a partire da quegli artigiani dell’origine addirittura medievale, inizia ad ospitare artisti, stranieri, pittori. Ancora, annualmente, nell’era del digitale 3D, si celebrava il rito dell’esposizione, lungo tutta la via, di quadri dipinti, materiali, su supporti fisici. Un rito che metteva insieme artisti di gran talento e imbrattatele imbarazzanti, accomunati dalla appartenenza a qualche associazione o gilda o confraternita ad hoc. Da qualche anno poi la cosa era tornata particolrmente in auge in concomitanza con la moda del vintage e dell’analogico, della “materia” in ogni campo dello scibile umano. La wave anti-ebook movement, le nuove case editrici cartacee, il rifiorire delle grafiche di copertina un po’ Art Nuveau, un po’ costruttiviste, le macchine fotografiche analogiche, gli artigiani che producono strane pellicole per le medesime.
Ma tra queste considerazioni cronachistiche mi tornavano alla mente come flash le suggestioni storiche, mitiche e immaginarie. La strada percorsa dai passi piatti, leggeri ed ed eleganti di Audrey Hepburn e di tanti altri fantasmi artistici o cinematografici, compresa la bianca Lucia, la donna col candelabro che mi mostrò nel buio dell’infanzia mia nonna materna, perché lei proprio nell’infanzia l’aveva conosciuta: modella immaginaria dell’altrettanto immaginario pittore Tagliaferri, spirito esercitante la propria attività fantasmatica in via Margutta al numero 33. A che piano, non ricordavo. Non sapevo.

In questo tripudio di suggestioni ipnagogiche, significati, riferimenti, icone inossidabili, misteri veri o immaginari, la via Margutta, dopo il suo tragitto parallelo alla strada principale faceva un’altra svolta a novanta gradi a ricongiungersi: come a completare tre lati di un rettangolo, dei quali due cortissimi e uno molto lungo.
Per facilitare le cose, per ragioni poco logiche, in questo terzo lato breve cambia nome: quindi sostanzialmente la via Margutta finisce nel nulla, finisce sulla facciata di un palazzo di quella che per motivi in apparenza misteriosi -ma certamente ben noti a filologi, topografi, storici del tessuto urbano- invece di completare la via stessa, si chiama inaspettatamente via Alibert.
Eh, il povero Giacomo d’Alibert, nato in Francia, costruttore di teatri e di pallacordodromi, in un intrico e forse intrigo di parentele e conoscenze internazionali regali, dagli Orléans ai Savoia a Cristina di Svezia (che a Roma non manca mai, lei, specie dove c’è qualche mistero). Nel settecento il figlio di Giacomo aveva piazzato un teatro anche lì, proprio in via Margutta: dovevano pur ficcarli, Giacomo e Antonio, toponomasticamente da qualche parte. E con l’uso del solo cognome, si erano presi due piccioni , due Alibert con una fava. Magari anche tre, teatro compreso.
Così la via col nome del (forse) semplice barbiere popolano e grezzo, comunque si doveva inevitabilmente schiantare contro qualche nobile: solo conte, ma amico di regnanti e cardinali potenti.
Vabbè, alla fine il barbieraccio la nomina quasi tutta e vince la partita.

Avevo scelto che il mio albergo fosse lì. Per tutti quei motivi e forse anche per altri. Già troppi luoghi di Roma erano bruciati per altre mie storie.
La luce era ancora stupefacente e scolpiva con precisione di marmista scalpellino ogni minima forma che incontravo. Ma nell’atrio dominava una fresca penombra.
Percorsi la rampa di ingresso in salita verso quello che un tempo era stato un collegio. Il sito dell’albergo non ne specificava il nome, se maschile o femminile: non si sapeva né come né quando lo fosse stato: supponevo nel periodo post-pretone intrapreneur e speculatore.
Sulle pareti di marmo grigio scorreva l’acqua con un effetto molto rilassante.
Il consierge fece finta di non vedermi, ma solo finta. E se anche non mi avesse visto per davvero, comunque sarei stato già puntato dalle microcamere di vigilanza piazzate discretamente per ogni dove. Ma ben identificabili a uno sguardo esperto. Se non fossi stato un cliente riconosciuto dai software di identificazione facciale e corporea, avrei avuto qualche agente della sicurezza addosso dopo pochi secondi.

(Sono 976 parole: nella versione precedente erano 33)








%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: