la fotografia secondo william

19 11 2017
Annunci




trova le differenze

18 10 2017

Recentemente la principale differenza tra chi lavora e chi è disoccupato è questa:

– chi è disoccupato è in rosso in banca ed è depresso perché non ha lavoro.

– chi lavora è in rosso in banca ed è demotivato perché non viene pagato regolarmente.





reperti, anzi ruperti

15 09 2017

“E allora, come per incanto, alcune zone del Granducato si sarebbero illuminate per popolarsi di TVstars: illuminate per illuminar le più lontane genti con emissioni televisive, con programmazioni strabilianti ed insostituibili, i cui nomi tramandavansi attraverso la sacerdotale casta registico-autorale, protetti dalla SIAE , invariati (circa) da tempi immemori.
“Il Rischiarutto”, programma sul galateo e come evitare figuracce a tavola .
“Ganzonissima”, selezione della più sveglia e maggiorata squinzia della settimana.
“Supplizio Costante Show”, gente legata viva a delle poltrone strampalate e torturata da un presentatore nudo tranne che per il colletto della camicia.
“Chemmefrega chi l’ha visto?”, programma sulla felicità di famiglie nelle quali è scomparso il parente più rompicoglioni.
“Kare Oche”, un programma che dimostra come anche i volatili possano cantare (ma le Carlucci no).
“Rimbambele”, programma in cui alcuni pensionati cercano di ricordarsi l’ultimo libro che hanno letto o scritto (almeno cinquant’anni prima): qualche rara volta se ne ricordano uno, però non ricordano se l’hanno letto o invece scritto.
“Scene da un Manicomio”, in cui MengaccHeadrooom racconta una sua normale giornata.
“Il Festival di Saremo” in cui dei musicisti paragnosti scelti in base all’arretratezza della loro proposta musicale dovrebbero indovinare in anticipo il futuro e invece si indovina sempre e solo chi vincerà la manifestazione.
“Striscia la Mestizia”, in cui le mummie di Ric e Greggio recitano in alfabeto muto dei testi scritti dalla mummia di Antonio Ricci (nihil novus sub sole) .
Et altre belle et amene programmazioni.”

“Benvenuti a Cyberdarkness”, 1996.
Poi non dite che non ci vedevo lungo.





quando ancora non ero rimbambito

15 09 2017

“Giorgio Gaber Fortunae Suae.”
Rupert, protagonista del romanzo breve (ovviamente incompiuto) “Benvenuti a Cyberdarkness”





constatazioni

12 09 2017

Posso dire ormai con certezza che l’unico autore che mi fa tornare la voglia di scrivere sia Gadda. Poi non ho la forza psicologica né la serenità e forse nemmeno il tempo. Però il Gaddus il suo dovere lo fa ogni volta che poggio gli occhi su una qualsivoglia pagina del Pasticciaccio. Amen.





problemi esistenziali

10 08 2017

Finalmente ho capito che il mio problema esistenziale sono io.





cose che vanno dritte

22 07 2017

Sono stato fortunato quest’anno a girare molti servizi per “il Caffè di Rai Uno”.

Cose che ogni volta mi offrono spunti di riflessione e mi arricchiscono culturalmente.

Dopo gli ultimi due servizi ho trovato anche la necessità e la convinzione per riprendere la scrittura. (Peccato che manchi il tempo, poi: ma non si può avere tutto, hehehe).

Di questo devo ringraziare Andrea di Consoli, Barbara Tomasino e Desy D’addario per avermi richiesto e la produzione per avermi consentito di farlo.








%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: